Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
loquace.over-blog.com

loquace.over-blog.com

L'Aquila è Roma: ovunque sia l'Aquila, si può dire che Roma sia presente.

Tamburi di rivoluzione, il calcio cambia

Potranno tornare tamburi e megafoni

Potranno tornare tamburi e megafoni

E poi un giorno ci accorgeremo che andare allo stadio sarà davvero una festa. Nè più, né meno. La reintroduzione di tamburi e megafoni negli stadi - decisa in queste ore con un protocollo di intesa firmato da Federcalcio e Coni - è un segnale che va in questa direzione. Diciamolo subito: è - finalmente - una decisione intelligente. Ed è una piccola rivoluzione. A differenza di altri luoghi deputati allo spettacolo (cinema, teatri) allo stadio lo spettacolo è certamente quello che vediamo in campo ma - lo sappiamo tutti - allo spettacolo contribuisce anche l’ATMOSFERA che si respira. Il tamburo genera musica, la musica è gioia, partecipazione, condivisione, il resto è fuffa. Si può allontanare la paura anche rullando un tamburo. La premessa da cui bisogna partire è una sola. L’unico vero oggetto contundente dentro uno stadio è IL CRETINO, IL CRIMINALE, IL TEPPISTA. Su tutto il resto si può discutere.

Rendere “fruibile” uno stadio significa creare le premesse perché chi ci va si diverta, stia bene, si senta parte di una comunità. Banalmente: tamburi e megafoni sono strumenti. Se io suono, faccio festa. E’ da qui che bisogna (ri)partire. Mentre nel resto di Europa in questi anni si ragionava su come abbattere le barriere e si lavorava per costruire stadi comodi, accessibili e sicuri, da noi - salvo qualche rara eccezione di club impegnati a pensare e creare impianti moderni - l’introduzione di norme assurde (la tessera del tifoso in primis: per fortuna è stata abolita…) contribuiva a desertificare gli stadi, spegnere la passione, allontanare il tifoso. Ora: inversione di marcia. Forse stiamo uscendo dalla rotonda delle norme assurde in cui giravamo da anni. Bene. Anche se scopriamo che il nuovo che avanza in realtà è il vecchio che torna di moda. Li ricordate, no, gli stadi degli anni ’70 e ’80? Tamburi, striscioni, megafoni.

Occhio, però: il passato non è sempre e solo un santino da venerare e rimpiangere. Quelli, non bisogna mai dimenticarlo, sono stati ANCHE anni di morti, violenza, vere e proprie battaglie tra tifoserie, guerriglia urbana dentro e fuori, negli stadi e nelle città. Non certo, però, per colpa di tamburi e megafoni. Riuscire a prendere il meglio di quel periodo - cioè l’ATMOSFERA che si respirava dentro lo stadio - depurandolo dalla violenza becera e brutale; è un buon modo per cominciare a vivere il calcio con più serenità, con più passione, con più partecipazione.

Fonte: Calciomercato.com

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post